Martedì, 28 Maggio 2019 17:36

“Un giorno verrà” di Giulia Caminito presentato allo Spazio

La scrittrice Giulia Caminito La scrittrice Giulia Caminito

Pistoia - Giovedì 30 maggio alle ore 18, presso Lo Spazio di via dell'ospizio, il gruppo di lettura Lettori nello Spazio presenta Giulia Caminito e il suo romanzo, "Un giorno verrà".

Alla sua seconda prova narrativa dopo il successo de “La grande A”, Giulia Caminito sceglie di dare voce a chi non l‘ha mai avuta, a chi è ultimo per nascita o per scelta: e si misura così con il grande tema della fede, della speranza salvifica in un mondo migliore."I corpi che dovevano comunque mangiare, bere, dormire, i corpi che sentivano la voglia di altri corpi, anche se inermi e supini, anche se stesi nei fossi, la guerra non sapeva spegnerli, finché respiravano erano vigili, chiedevano attenzione".

Lupo e Nicola nascono alle soglie del secolo nuovo, il Novecento, ultimi della progenie di Luigi Ceresa, fornaio nel borgo marchigiano di Serra de‘ Conti. La vita dei Ceresa è durissima, come quella di tutti gli abitanti di Serra, poveri mezzadri che vedono spegnersi figli e speranze una dopo l‘altra. Lupo, vigoroso e ribelle, e il fragile Nicola sopravvivono forse in virtù della forza misteriosa che li unisce pur nella loro diversità.

Zari nasce in Sudan ma viene rapita ancora bambina e poi convertita alla religione cattolica: in pochi sanno che questa è l‘origine della Moretta, la badessa del convento di clausura di Serra, che con la sua musica straordinaria e la sua forza d‘animo è punto di riferimento per tutta la comunità. Intanto il vento della storia soffia forte: le idee socialiste e quelle anarchiche, la Settimana Rossa del ‘14, la Grande Guerra, l‘epidemia di Spagnola.

Lupo, Nicola e la Moretta dovranno resistere, aprire gli occhi e scoprire il segreto che lega le loro esistenze. Quella della Moretta – suor Maria Giuseppina Benvenuti, e prima Zeinab Alif, ancora oggi oggetto di culto – è una storia vera, le vicende dei fratelli Ceresa sono invece frutto di invenzione: ma in queste pagine ogni personaggio è seguito con il medesimo sguardo, frutto di una rigorosa documentazione storica e insieme di un‘ardente partecipazione spirituale, e raccontato con una scrittura tesa, vibrante, capace di scavare nelle pieghe del tempo e trarne schegge di emozione vivissima. Nata a Roma nel 1988, Giulia Caminito è laureata in Filosofia politica. Suo padre è originario di Asmara, sua nonna e suo nonno si sono conosciuti ad Assab, la sua bisnonna fu guidatrice di camion, contrabbandiera di alcolici e personalità vivace della comunità italiana d‘Etiopia ed Eritrea.

“La Grande A”, il suo romanzo d‘esordio, è dedicato all‘avventurosa vita della bisnonna e ha avuto numerosi riconoscimenti: Il Premio Bagutta Opera Prima, il premio Berto e il Premio Brancati Giovani.

 

Articoli correlati (da tag)