Venerdì, 21 Luglio 2017 11:12

“TU35 Expanded”: giovani artisti del territorio espongono al Pecci

L'inaugurazione della mostra L'inaugurazione della mostra

di Andrea Capecchi

Prato – Una mostra collettiva di arte contemporanea al Centro Pecci con protagonisti venticinque giovani artisti del territorio.

È stata inaugurata ieri pomeriggio l'esposizione “TU35 Expanded”, progetto ideato da Giovanna Pecci e curato da Luca Barni, Giulia Poli e Luisa Santacesaria, che si articola in una mostra collettiva, aperta al pubblico fino al prossimo primo ottobre, e in una fitta programmazione di performance, concerti, proiezioni cinematografiche e dibattiti.

La mostra nasce con l'obiettivo di offrire uno spazio di visibilità e un'opportunità di conoscenza per la giovane arte del centro-nord Italia, esponendo le opere di venticinque artisti under 35 (da qui il titolo del progetto) provenienti sia dall'area toscana, sia da regioni limitrofe come Emilia-Romagna, Umbria e Marche.

Gli artisti invitati a partecipare sono stati selezionati da una commissione di addetti ai lavori che operano nelle regioni coinvolte e tramite un'open call. Il Centro Pecci si fa così promotore di un'attività di indagine e valorizzazione di giovani artisti e si propone come hub di promozione nazionale, in collaborazione con curatori ed esperti delle istituzioni più importanti che operano nel settore dell'arte contemporanea.

“Tra i compiti fondamentali di un centro culturale come il Pecci – ha sottolineato il direttore Fabio Cavallucci – vi è infatti quello di sostenere e promuovere i giovani artisti che emergono a livello locale e muovono i primi passi nei nostri territori. Quando sentiamo parlare di arte contemporanea in Italia è inevitabile fare riferimento al duopolio Roma-Milano: in realtà anche a livello regionale esistono progetti creativi e artistici di grande valore che meritano di essere valorizzati e fatti conoscere al pubblico in mostre collettive come questa di Prato”.

Ma “TU35 Expanded” non si limita all'arte, svolgendo una ricognizione specifica anche per musica, cinema e arti performative grazie a un'open call rivolta agli artisti delle varie discipline. I concerti, gli spettacoli e le proiezioni scelte si alterneranno nelle sale del Centro Pecci per tutta la durata della mostra e, al termine del progetto, sarà assegnato un premio in denaro per ogni disciplina.

I venticinque artisti presenti in mostra sono: Paola Angelini, Calori e Maillard, Alessandra Carosi, Andrea Carpita, Jacopo Casadei, Silvia Coppola, Gaetano Cunsolo, Cleo Fariselli, Riccardo Giacconi, Helena Hladilova, Hu-Be, Lori Lako, Irene Lupi, Rachele Maistrello, Davide Mancini Zanchi, Elena Mazzi, Mattia Pajè, Simona Paladino, Antonio Theo Pini, Luca Pucci, Namsal Siedlecki, Marcello Spada, Marco Strappato, Antonio Turrisi e Virginia Zanetti.

Suggestivo il colpo d'occhio offerto dall'esposizione, che in un'unica sala unisce in un efficace dialogo lavori molto diversi per natura e realizzazione. Numerose e variegate sono infatti le tecniche artistiche utilizzate, dalla pittura su tela alla scultura in gesso, dal disegno alla fotografia, passando attraverso installazioni audio e video.

 

Articoli correlati (da tag)