Giovedì, 25 Luglio 2019 10:54

Funaro e Museo Marini, un impegno comune per la cultura

Il pubblico in sala al Funaro Il pubblico in sala al Funaro

Pistoia - Marino e il Funaro, una valigia (d'arte) per due.

Il treno della cultura toscana è pronto a ripartire per una nuova avventura, diretto a raggiungere mete e palcoscenici dove l'arte è condivisa, valorizzata, promossa attraverso una rete di canali sempre più estesa.

Complice l'amore per la dimensione contemporanea, il Funaro e la Fondazione Marino Marini di Pistoia lanciano un partenariato inedito, fatto di azioni concrete, progetti di sostegno e operazioni promozionali, tesi a favorire la diffusione dei linguaggi artistici e stabilire nuovi punti di contatto con lo spettatore/visitatore.

Musei che entrano negli spazi di ricerca teatrale, centri di formazione e attività laboratoriale che creano palcoscenici speciali dove l'arte, accolta in tutte le sue forme, entra in contatto con il teatro. Pistoia, città d'arte aperta alle contaminazioni dei linguaggi e delle forme di espressione artistica, moltiplica segni e percorsi finalizzati ad arricchire il ventaglio delle opportunità rivolte ad un pubblico sempre più vasto e differenziato. Dalle affinità elettive che legano da anni il percorso culturale a due fili tenuto dalla Fondazione Marino Marini e il Funaro nasce un'inedita collaborazione. 

L'attivazione di un biglietto di ingresso a condizioni agevolate, la veicolazione di materiale informativo in forma cartacea e digitale nelle rispettive sedi sono alcuni degli impegni assunti dal Funaro e dalla Fondazione Marino Marini con le quali prende avvio un nuovo tandem culturale. L'accordo è stata formalizzato qualche settimana fa, con la sottoscrizione di una convenzione che sigla formalmente la sinergia artistica e promozionale tra due dei maggiori centri toscani di produzione e diffusione dei linguaggi contemporanei nello scenario nazionale e internazionale. 

"Tra gli obiettivi che la Fondazione si pone in base ai contenuti del proprio statuto – dichiara Maria Teresa Tosi, direttrice della Fondazione Marino Marini – emerge quello finalizzato alla promozione che si intreccia all'attività di valorizzazione e tutela dell'opera e del patrimonio artistico di Marino. Era una precisa volontà della moglie Marina legare il maestro alla sua città, poterlo fare dunque insieme e con il sostegno di altre importanti realtà culturali pistoiesi, come il Funaro, non può che renderci felici e stimolare la nostra mission che scommette con convinzione sulle diverse potenzialità dell'arte contemporanea. Questa nuova liaison, nata dal dialogo tra arte e teatro, rafforza e diversifica strumenti e spazi dove interagire, giocare, crescere e divertirsi".

Nello specifico i visitatori della Fondazione Marino Marini avranno l'opportunità di usufruire di un biglietto di ingresso agevolato, presentando il biglietto di ingresso al museo, per accedere ad uno spettacolo del cartellone adulti o uno a scelta tra gli appuntamenti della programmazione bambini nell'ambito della prossima stagione 2019-2020 proposta dal Funaro. Da parte sua, in un'ottica di reciprocità sul fronte promozionale, la Fondazione Marino Marini garantirà agli associati e ai possessori di titoli di ingresso del Funaro una riduzione nel biglietto di ingresso al Museo Marino Marini, con un costo pari a 5 euro anziché 7 euro. I visitatori dovranno presentare un apposito tagliando rilasciato dalla biglietteria del Funaro. Come previsto dall'atto di convenzione, entrambe si impegneranno a promuovere le rispettive attività e strutture attraverso i propri canali. Il Funaro e la Fondazione Marini useranno le rispettive caffetterie come punti nevralgici di pubblicizzazione, distribuzione ed esposizione del materiale informativo, brochure, depliant e locandine, e si avvarranno degli strumenti social, Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest e delle newsletter mensili per potenziare l'attività di promozione sul web.

 

Articoli correlati (da tag)