Speciali Reportcult: PISTOIA BLUES | PRESENTE ITALIANO


 
 

Venerdì, 18 Settembre 2020 16:41

Allo Studio 38 la personale "Tondi" di Mauro Moriconi

Uno dei "Tondi" di Moriconi Uno dei "Tondi" di Moriconi

Pistoia - STUDIO 38 Contemporary Art Gallery è lieta di inaugurare la nuova stagione espositiva con la personale di Mauro Moriconi dal titolo "Tondi".

Dal testo di presentazione di Paola Martini: "Tondi, la serie di opere realizzata dall’artista lucchese Mauro Moriconi, ruota attorno al cruciale concetto di immagine e della sua rappresentabilità. Sebbene in questa nuova antologia di scatti il medium fotografico rappresenti in parte un elemento di continuità con le precedenti serie – d’altronde anche le foto-incisioni di Un-familiar sono frutto di manipolazioni su Polaroid – stavolta la sperimentazione si spinge oltre giungendo a modificare il supporto prima dello scatto, che di fatto non avviene.

Dalle lucide superfici, quasi riflettenti, emergono paesaggi onirici non antropizzati, agglomerati di cromie che rimandano a fantasiose geografie di memoria ghirriana e a straordinari mondi interiori. La visione di tali scorci mette in crisi la percezione, sia dell’occhio umano che della macchina fotografica, confonde il senso di realtà e d’illusione, stimolando nell’osservatore surreali pareidolie che lo inducono a riconoscere nell’amorfismo qualcosa di riconducibile al piano del reale. Le macchie impressionistiche, frutto di un meticoloso lavoro che coniuga abilità manuale e casualità, affiorano come da un oblò e testimoniano un ritorno all’originario percorso formativo dell’artista nell’ambito della pittura e ad essa si ispira anche per la circolarità del formato, con l’evidente richiamo ad altri celebri Tondi, quali il rinascimentale Tondo Doni.

Da Michelangelo a Ingrès, passando per Raffaello e Caravaggio la forma circolare vanta in ambito artistico un passato glorioso e un altrettanto significativo valore simbolico. Emblema della perfezione, della totalità e del perenne rinnovamento come la ruota del fiammeggiante disco solare, il Tondo di Moriconi racchiude ambienti difficilmente collocabili in tempi e luoghi definiti. Gli affioramenti di isole, e desertificazioni, le glaciazioni e le derive dei continenti che s’intravedono verosimilmente in tali panorami accendono l’immaginazione e sollevano inquietanti dubbi sull’origine e, soprattutto, sul destino del nostro ecosistema".

Mauro Moriconi nasce a Lucca nel 1980. Dopo aver concluso gli studi al liceo artistico di Lucca, si trasferisce a Firenze dove frequenta l’Accademia di Belle Arti. Dal 2003 al 2004 vive e lavora a Lisbona, dove continua gli studi accademici e organizza la sua prima mostra personale. Tornato nel 2004 a Firenze, conduce uno studio approfondito sull'opera dell’artista Mimmo Rotella, conosciuto nel suo studio di Milano e dal quale impara la tecnica del décollage, confluita in seguito nel suo lavoro relativo alla tesi di laurea. Tra il 2004 e il 2007 espone le sue opere realizzate con la tecnica appresa da Rotella alla galleria Ken’s Art Gallery di Firenze. Nel 2007 Moriconi crea la sua prima lastra fotografica incisa su alluminio: questa tecnica innovativa segna per l'artista uno svolta espressiva e diventa la chiave del successo che lo porta a collaborare con la Galleria Catm Ny di New York e Soho Gallery di Beverly Hills negli USA.

Nel 2008 ottiene il riconoscimento dal Comune di Prato come miglior artista emergente. Nel 2011 inizia la sua collaborazione con la Galleria di arte Contemporanea Die Mauer di Prato, e nel 2013 viene selezionato per la fiera Internazionale di Fotografia a Milano Mia Fair, dove la sua serie fotografica Le Cirque ottiene l'attenzione della stampa. Nel 2015 viene selezionato dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato per la mostra TU35. Nel 2017 partecipa nuovamente alla fiera Internazionale di Fotografia a Milano Mia Fair con la serie Unfamiliar e la sua rilettura in versione Polaroid.

Nel 2017 la Fondazione Banca del Monte di Lucca organizza la sua prima retrospettiva. Nel 2019 viene segnalato alla fiera di arte contemporanea Affordable Art Fair di Milano per l’utilizzo originale di un mix di arte e nuove tecnologie.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 18 settembre al 21 novembre, dal martedì al sabato 16.00 - 19.30. Nel rispetto delle norme vigenti la mostra sarà visitabile fino al 21 novembre solo su appuntamento prenotando la visita tramite il pulsante "prenota subito" dalla pagina Facebook della galleria o inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Articoli correlati (da tag)