Sabato, 29 Settembre 2018 17:03

Caso Netflix: anche Berlino si schiera con le associazioni italiane

La passata edizione della Berlinale La passata edizione della Berlinale

di Giacomo Martini

Berlino – Anche il mondo del cinema tedesco si schiera al fianco delle associazioni italiane contro Netflix.

Dopo il dibattito sulla presenza dei film prodotti da Netflix a Cannes e ancora in relazione alla vittoria del film “Roma” del regista messicano Cuaron, la questione arriva nel mondo del cinema tedesco che si prepara per la prossima “Berlinale” ed è costretto ad interrogarsi sul problema.

L’associazione HDF KINO che coinvolge i cinema tedeschi ha discusso sul problema e si è espressa negativamente sulla politica “day-and-date” che era stata avanzata dalla potente piattaforma americana. Il Presidente Thomas Negele si è schierato a fianco della posizione degli esercenti italiani rispetto alla partecipazione a Venezia di Netflix. Raccogliamo da una sua intervista la seguente dichiarazione ad una rivista tedesca: “Dovrebbe essere chiaro che non saremmo contenti se si dovesse fare cattivo uso di Berlino attraverso il cinema in contemporanea; la nostra posizione è in linea con le Associazioni Italiane (con un chiaro riferimento al comunicato stampa di ANEC e Anem) e non consideriamo benvenuti i film di Netflix alla Berlinale del prossimo febbraio”.

Fino ad oggi la Berlinale si era allineata alle posizioni di Cannes, escludendo dal concorso gli “streaming movies”.

Nello stesso articolo viene riportato il comunicato congiunto di ANAC, FICE e ACEC dopo il verdetto di Venezia. Ma la questione Netflix non si chiuderà certamente oggi, troppi sono gli interessi in gioco e le aspettative che molti operatori del settore avanzano sul piano economico-produttivo per potere ignorare i consistenti investimenti che la piattaforma americana intende attivare sul piano europeo e non solo. Certamente ci saranno altre realtà che invece apriranno la porta ai film Netflix, ma certamente la scelta di Venezia ha evidenziato ancora una volta l’ambiguità e l’opportunismo della direzione della mostra veneziana.

 

Articoli correlati (da tag)