Domenica, 02 Dicembre 2018 12:01

Bolognini Film Festival, premiati i vincitori dell'ottava edizione

Un momento della cerimonia di premiazione Un momento della cerimonia di premiazione

Pistoia - Premiati i vincitori dell’ottava edizione del Mauro Bolognini Film Festival.

La rassegna, guidata dal Presidente Roberto Cadonici e dal Direttore artistico Gabriele Cecconi, si è conclusa nella serata di domenica 25 novembre con le premiazioni dei vincitori in concorso. Come ogni appuntamento dedicato al regista pistoiese, l’evento si è tenuto presso il Piccolo Teatro a lui dedicato, situato nella sua città natale.

Il Festival si propone di coinvolgere registi emergenti e di premiare i lavori degli studenti che si impegnano in laboratori audiovisivi durante il loro percorso didattico: difatti, la sezione Cortoscuola per le medie inferiori è stata vinta dall’I.C. Biella III con “(In)visibile”, mentre per le medie superiori si è distinto l’IIS Niccolò Machiavelli di Pioltello (MI) con l’irriverente “The final list”.

Durante questa edizione un pensiero particolare è stato rivolto alla figura di Manolo Bolognini, fratello del regista che ha dato nome al Festival, venuto a mancare meno di un anno fa. In particolare, Manolo Bolognini ha apportato un forte contributo nella produzione della cinematografia italiana, pertanto il Festival ha voluto inserire un premio che valorizzasse il duro lavoro e l’originalità di una casa di produzione.

Tale riconoscimento, anche sotto forma di un dipinto di Edoardo Salvi, è stato assegnato alla Moolmore Films di Roma, la cui vittoria è stata suggellata con la visione del musical “Beauty” (Nicola Abbatangelo, 2018). Alla proiezione è seguita una tavola rotonda in cui si è discusso dell’andamento della produzione cinematografica odierna, il suo futuro e le possibili soluzioni ai problemi di distribuzione, argomenti trattati anche in presenza di rappresentanti di altre case di produzione, come la Prem1ere Film di Bari e la Elenfant Film di Bologna.

Proprio quest’ultima casa di produzione bolognese si è aggiudicata il premio Webseries per la realizzazione di una serie intitolata “13.11”, elaborata sulla base del progetto europeo Amitie che tratta i temi della migrazione e dei diritti umani. Difatti ciascun episodio di questa serie narra una vicenda indirettamente connessa agli attentati terroristici avvenuti a Parigi il 13 novembre 2015 e le loro conseguenze: razzismo, mancata inclusione sociale dei soggetti che seguono i flussi migratori verso l’Europa, omofobia e violenza. Il premio del pubblico per le webseries, invece, è stato assegnato a un singolo episodio di “13.11”, quello diretto da Michele Innocente: “What God wants” è ambientato ad Amburgo e tratta il tema della malnutrizione in condizioni di povertà raccontando una storia di solidarietà e rispetto.

Per concludere, il premio “Mauro Bolognini” per il miglior cortometraggio se lo è aggiudicato “Magic Alps” (Italia, 2017, 15’), diretto da Marco Scotuzzi e Andrea Brusa, la cui storia è tratta da un evento realmente accaduto e che tocca le corde più profonde del cuore dello spettatore; mentre il pubblico ha prediletto “La lepre” (Italia, 2018, 15’), in cui la regista (e interprete principale) Lana Vlady tratta il tema della solidarietà e della sana competizione.

 

Articoli correlati (da tag)