Speciali Reportcult: PISTOIA BLUES | PRESENTE ITALIANO


 
 

Lunedì, 30 Maggio 2016 15:18

Tutto pronto per la 21a edizione di "Ferrara sotto le stelle"

Ferrara - La ventunesima edizione di “Ferrara sotto le Stelle”, presentata nella splendida cornice di Piazza Castello e del Cortile d’Onore del Castello Estense, nel cuore della città, è come sempre ricca di appuntamenti importanti, che spaziano all’interno di tutta la musica indipendente.

 

In questi anni il Festival, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Ferrara e la collaborazione di Arci Ferrara, si è imposto all’attenzione generale per avere saputo coniugare nomi di riconosciuto prestigio e giovani autori di talento, intrattenimento di livello e piacevoli scoperte, grande spettacolo e ricerca, per uno spaccato musicale estremamente vario, ma sempre di altissima qualità.

Giovedì 16 giugno, ore 19:30 – 01:30 (piazza Castello e Cortile del Castello Estense) - "Astro"con FOUR TET dj-set + CARIBOU live + FLOATING POINTS live + JUNIOR BOYS live + POPULOUS dj-set + JOLLY MARE live

Una giornata specialissima, un viaggio tra alcuni degli act che più hanno contribuito a livello mondiale a rendere visionario il pop contemporaneo e ad abbattere steccati stilistici tra indie ed elettronica, tra forma-canzone e sperimentazione.

Le appassionanti strutture emozionali di Caribou, il viaggio interstallare di Floating Points nei territori jazz e funk, le traiettorie dei Junior Boys attraverso un elettro-pop 2.0 in perfetto equilibrio tra innovazione e stile; e a “legare” il tutto, in versione dj, uno dei più illuminati artisti dell'ultimo decennio, Four Tet, pronto a disegnare uno dei suoi set sempre più visionari, sorprendenti nel fotografare terre inesplorate in cui il dancefloor si unisce alla ricerca.

E ancora Jolly Mare in assetto live, con la sua italo-disco rivisitata ed incredibilmente piena di spessore e rimandi e Populous, col suo bellissimo incrocio tra carnali futurismi afro-tropicali e sospensioni legate a dubstep e hip hop astratto.  Sei ore di grande musica, su due palchi, per una serata imperdibile.


Mercoledì 29 giugno, ore 21:30 - GLEN HANSARD (Cortile del Castello Estense)

Il grande songwriter irlandese, già frontman dei Frames, metà degli Swell Season, attore per Alan Parker (“The Commitments”) e vincitore di un Oscar per la colonna sonora di “Once”, presenta a Ferrara il suo ultimo, acclamato “Didn't He Ramble”, candidato ai Grammy, oltre ai brani che lo hanno reso uno dei musicisti irlandesi più apprezzati a livello internazionale.

Giovedì 30 giugno, ore 21, I CANI + COSMO (Cortile del Castello Estense)

Niccolò Contessa, con la sua band – non band, si è affermato come uno degli autori più importanti e brillanti della sua generazione. Dal micidiale name-dropping dei primi testi alla maturità di "Aurora", dai tic culturali dei giovani di Roma Nord ai confini estremi dell'universo: liriche introverse e malinconiche diabolicamente nascoste da suoni morbidi e armonie-killer di disarmante semplicità e bellezza.

Lunedì 4 luglio, ore 21, WILCO + KURT VILE & The Violators (Piazza Castello)

Una band in stato di grazia raccoglie finalmente i frutti di 20 anni di tempestosa ricerca espressiva tra indie, folk, country e blues, filtrati e tenuti assieme dalla genialità pop e dalla scrittura intrisa di sofferenza personale del leader Jeff Tweedy. Apertura di lusso con Kurt Vile, il più originale e sensibile tra gli eredi della grande tradizione dei classici cantautori americani.

Martedì 5 luglio, ore 21, THE LAST SHADOW PUPPETS + YAK (Piazza Castello)

Per la prima volta in Italia il supergruppo formato da Alex Turner, leader degli Arctic Monkeys, e dal cantautore inglese Miles Kane. Con appena due album in otto anni, hanno letteralmente forgiato un genere, un baroque pop inventivo e zeppo di riferimenti colti, eseguito con una freschezza e una sfrontatezza tipicamente british. In apertura il lanciatissimo trio garage-punk londinese Yak.

Mercoledì 6 luglio, ore 21, MOGWAI play ATOMIC (Piazza Castello)

In 20 anni di attività l'elusiva band scozzese è divenuta l'archetipo di un post-rock basato su lunghi brani chitarristici che alternano momenti morbidi e dilatati a vere esplosioni di fragore sonico, forgiando un suono maestoso e potente. La loro unica data italiana sarà focalizzata sulla sonorizzazione di "Atomic", l'acclamato documentario di Mark Cousins, prodotto dalla BBC, costruito interamente da immagini di archivio, un caleidoscopio impressionistico degli orrori del nucleare.

Articoli correlati (da tag)

  • A Ferrara in mostra De Chirico e la pittura metafisica A Ferrara in mostra De Chirico e la pittura metafisica

    di Andrea Capecchi

    Ferrara – Ritorno a Ferrara per Giorgio De Chirico, ospite d'onore della mostra “Metafisica e avanguardie” allestita fino al prossimo 28 febbraio 2016 nella splendida cornice del Palazzo dei Diamanti.

  • A Ferrara la nuova edizione di Internazionale A Ferrara la nuova edizione di Internazionale

    di Luca Bonistalli

    Ferrara - I salvagente color arancione che galleggiano nell’acqua del fossato che circonda il castello sono molto più di una installazione. Comprendere i flussi migratori e il non/senso dell’innalzamento dei muri frontalieri è centrale nel programma del festival di Internazionale.

  • L'arte per l'arte, il Castello Estense ospita Giovanni Boldini e Filippo de Pisis L'arte per l'arte, il Castello Estense ospita Giovanni Boldini e Filippo de Pisis

    Ferrara - Eleganti ritratti di protagoniste della Belle Epoque tra sale rinascimentali fastosamente decorate, camerini segreti che fanno da scrigno a paesaggi e nature morte pulsanti di emozioni.