Martedì, 09 Gennaio 2018 16:53

"Les Bouquinistes", Sergio Endrigo nel ricordo della figlia Claudia

Sergio Endrigo Sergio Endrigo

Pistoia – Un viaggio nella vita privata e lontana dai riflettori di Sergio Endrigo, nella testimonianza della figlia Claudia.

Giovedì 11 gennaio alle ore 18, presso la libreria indipendente Les Bouquinistes (via dei Cancellieri 5) è in programma l'incontro con Claudia Endrigo, figlia di una delle figure chiave del cantautorato italiano, per presentare il suo libro “Sergio Endrigo, mio padre. Artista per caso”, edito da Feltrinelli.

A dialogare con l'autrice sarà Matteo Pelliti.

“Un'estate fa sono tornata a Pantelleria, dopo più di quarant'anni. Ed è stato come se avessi rivisto mio padre là, in quel mare dove era stato felice e spensierato. Quel mare che era il nostro elemento naturale. Avevo bisogno di ripercorrere anche la mia vita attraverso la sua. Per questo era necessario immergermi nei ricordi, nelle testimonianze, nei racconti di quanti hanno conosciuto mio padre. Un viaggio unico, a volte doloroso, a volte bellissimo”. Così Claudia spiega il suo desiderio di raccontare il padre, in un libro che per lei è anche un modo per riscoprire il carattere e i sentimenti di Sergio, a dodici anni dalla sua scomparsa.

“Nessuna figlia accetta di credere che il proprio padre sia un uomo triste. Questa storia inizia così, dal bisogno di capire quali erano i suoi pensieri, le sue immagini, i suoi ricordi, dalla necessità di scoprire cosa c'era davvero nell'animo di un padre che scriveva canzoni struggenti e che, a sentire amici e colleghi, aveva una vena profonda di malinconia. Un padre famoso che, forse, non si è mai lasciato conoscere fino in fondo. Un padre che non c'è più”.

Ma di Sergio Endrigo rimangono i luoghi e le persone e, soprattutto, rimane la memoria di Claudia, per ripercorrere la vicenda di un uomo che ha segnato la musica italiana e che forse è stato più apprezzato all'estero che in Italia. La bambina che nuotava con lui nel mare di Pantelleria è cresciuta e racconta una storia intima, delicata, e perciò autentica. E mostra che Sergio Endrigo non si può ridurre a uno stereotipo, che le note dolenti e meravigliose di "Canzone per te" e il volto corrugato di mille fotografie non bastano a fare di un padre amatissimo una maschera infelice.

Claudia Endrigo è nata nel 1965. Ha deciso di scrivere la storia di suo padre perché nessuno l'aveva mai raccontata. Per farlo ha messo insieme i suoi ricordi e le testimonianze di chi ha conoscouto Sergio Endrigo. Questo è il suo primo libro.

 

Articoli correlati (da tag)