Mercoledì, 31 Gennaio 2018 18:37

“Legati da una Cintola”: al via un nuovo ciclo di conferenze d’arte

Una sala di Palazzo Pretorio che ospita la mostra "Legati da una Cintola" Una sala di Palazzo Pretorio che ospita la mostra "Legati da una Cintola"

Prato – Semplice e comune accessorio di abbigliamento, ma anche simbolo di seduzione, sacrificio e potere al femminile.

La cintura, a partire da quelle che compaiono nei primi capitoli della Genesi e attraverso un viaggio tra arte e antropologia culturale, sarà al centro dell’incontro di sabato 3 febbraio alle 16.30 con la storica Sara Paci Piccolo che aprirà il nuovo ciclo di conferenze d’arte di Palazzo Pretorio.

Dopo il grande successo della precedente rassegna e in occasione della proroga della mostra “Legati da una Cintola” che chiuderà il 25 febbraio, il Museo propone un nuovo cartellone di tre incontri, tutti di sabato e tutti a ingresso libero, per proseguire il percorso di approfondimento intorno al tema della Cintola mariana, indagata sotto diversi e molteplici punti di vista.

Con la conferenza “Di beltà e fortezza cinte: da Biancaneve a Maria, cinture nel mito e nella storia” Sara Paci Piccolo ripercorrerà la lunga storia della cintura e della sua forza simbolica che tocca il vertice nella devozione alla "Madonna della Cintola", attraverso vicende di donne e dee, sante e peccatrici, ma anche guerrieri e uomini di chiesa accomunati da un gesto quotidiano qual è quello di cingersi la vita, per stringere la veste o portare la spada: cinture di cuoio e di tessuto, cinture gioiello o di semplice corda e le Sacre Cintole (se ne contano tre) che Maria ha lasciato in eredità e testimonianza ai fedeli.

Sara Paci Piccolo, docente di Storia dell’arte, Storia del costume e della moda, Storia del cristianesimo e delle vesti liturgiche e Antropologia culturale al Polimoda di Firenze e al Fashion Institute of Technology di New York, è autrice anche di numerose pubblicazioni. Fra queste il più recente è “Di Beltà e Fortezza Cinte”, pubblicato da Ancora edizioni, scritto a quattro mani insieme ad Alessio Palmieri Marinoni.

Dopo il primo appuntamento la rassegna proseguirà sabato 10 febbraio con Teresa Megale e un’analisi sulla spettacolarità della ostensione fra rito civile e religioso in età moderna e si concluderà sabato 17 febbraio con Daniela Degl’Innocenti con un focus sul contesto civile e devozionale attorno alla reliquia mariana in occasione della sua presentazione nel 1600 a Maria de’ Medici in visita alla Cappella della Cintola prima della sua partenza per Parigi in sposa a Enrico IV.

Articoli correlati (da tag)