Giovedì, 09 Gennaio 2020 16:01

I grandi classici della letteratura "riletti" nelle Ville Medicee

I promotori e gli organizzatori della manifestazione I promotori e gli organizzatori della manifestazione

Poggio a Caiano - Otto incontri da gennaio a giugno in tre location d'eccezione a parlare di libri e letteratura,  ma anche di capolavori artistici del territorio, con autori di oggi.

Torna l'appuntamento con "Autori di oggi. Capolavori di ieri", la rassegna giunta alla sesta edizione, organizzata dalla Pro Loco di Carmignano, con il contributo dei Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano e curata da Carla Lomi. 

La formula è ormai consolidata da tempo: poeti, scrittori, professori, esperti e scienziati contemporanei, presenteranno di volta in volta un'opera per loro cruciale, magari il libro più amato o quello che è stato fonte di ispirazione, fornendo così allo spettatore inediti spunti di riflessione su grandi capolavori di ieri.

Tra i classici che verranno riletti, alcuni romanzi che hanno reso universali storie narrate in pagine di rara perfezione; ampio spazio verrà dato anche alla poesia, cui verranno dedicati due appuntamenti. 

Grande novità di quest'anno, verrà affrontata un'opera filosofica: un appuntamento sarà, infatti, dedicato al "De brevitate vitae" di Seneca. Riconfermata poi, dopo il successo dello scorso anno, la sezione "Ospitare opere geniali": dopo aver posto, lo scorso anno, al centro dell'attenzione la Visitazione del Pontormo ospitata nella Pieve di San Michele Arcangelo a Carmignano, quest'anno due appuntamenti saranno dedicati alla riscoperta di un altro capolavoro artistico conservato nei Comuni medicei, realizzato sempre dal Pontormo: l'affresco della lunetta del salone Leone X della villa medicea di Poggio a Caiano, dedicato a Vertumno e Pomona.

Ad ospitare la rassegna, che lo scorso anno aveva registrato un sold out di presenze con oltre 1.500 partecipanti, la Villa Medicea di Poggio a Caiano e la Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino, entrambi patrimonio UNESCO e, per la prima volta, anche la Villa Medicea Il Granduca di Carmignano. Il primo incontro si terrà sabato 18 gennaio.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito e inizieranno alle 17 (gli ultimi due invece prenderanno il via alle 21).

“Una rassegna dall’alto valore culturale, capace di emozionare, far riflettere e informare, che vedrà la partecipazione di personaggi di lustro del mondo contemporaneo – ha precisato l’assessore alla Cultura del Comune di Carmignano Stella Spinelli - una manifestazione di alto livello, a ingresso gratuito, resa possibile grazie alla sempre più stretta sinergia con il Comune di Poggio a Caiano, il cui valore aggiunto è proprio la formula adottata. I grandi autori ospiti della rassegna non parleranno, infatti, dei propri libri, ma racconteranno i loro autori preferiti. E le sensazioni e le emozioni che arrivano al pubblico sono veramente profonde, capaci di farci fare viaggi in mondi altri”.

“Si conferma la centralità e insostituibilità della parola rispetto all'immagine – ha aggiunto l’assessore alla Cultura del Comune di Poggio a Caiano Giacomo Mari - la capacità di astrazione della parola, attraverso un lessico acuto e ricco di significati e simbologie, la rende immortale. I classici parlano ancora oggi all'uomo contemporaneo, e gli autori dei giorni nostri li rileggono con la stessa intensità cogliendone il significato profondo e facendone trasparire l'attualità”.

“Gli autori che intervengono sono Cittadini della parola: grandi intellettuali che sanno rendersi comprensibili. Con gli ospiti di quest'anno si aprono orizzonti nuovi – ha precisato la curatrice Carla Lomi - sono in programma anche due appuntamenti con la poesia, che spesso non incontra l'interesse della maggioranza dei lettori, ma che sarà capace di stupire ed essere accessibile a tutti".

I primi tre incontri si terranno nella suggestiva cornice della Villa Medicea di Poggio a Caiano. Ad aprire la kermesse sabato 18 gennaio alle 17 sarà la scrittrice Nadia Terranova che rileggerà un grande classico senza tempo, "Il giro del mondo in ottanta giorni" di Jules Verne.

Il 22 febbraio (sempre alle 17), al centro dell'incontro "Il seme del piangere" scritto da uno dei più grandi poeti europei del Novecento, Giorgio Caproni. A rileggere l'opera sarà il poeta e scrittore Franco Marcoaldi.

La rassegna proseguirà poi il 7 marzo col trattato filosofico "De brevitate vitae" di Seneca, riletto dal latinista Ivano Dionigi. Le letture saranno affidate all'attore Moreno Fabbri. 

I successivi tre appuntamenti si terranno nel Comune di Carmignano. Il 28 marzo alla Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino, la professoressa e scrittrice Michela Marzano proporrà una sua rilettura dell'opera "Una vita di donna" di Annie Ernaux.

Il 4 aprile ad ospitare la rassegna sarà per la prima volta la Villa Il Granduca di Carmignano: alle 17 lo scrittore Massimo Carlotto riproporrà un capolavoro della letteratura italiana, seppur ancora non così conosciuto e letto come meriterebbe, a lui tanto caro: "I viceré" di Federico De Roberto. Le letture saranno invece affidate a Elisabetta Santini.

Il 9 maggio alla Villa di Artimino il capolavoro di ieri "La terra promessa" di Giuseppe Ungaretti sarà riletto dallo scrittore e professore Carlo Ossola. Le letture saranno affidate all'attrice Giusi Merli.

Gli ultimi due appuntamenti saranno dedicati alla sezione "Ospitare opere geniali". Al centro della riflessione la lunetta affrescata di Pontormo presente alla Villa Medicea di Poggio a Caiano. Affresco che, con i suoi molteplici significati, rimanda al mutare delle stagioni, al principio eterno della metamorfosi. Grazie alla presenza di un illustre storico dell'arte e di un notissimo scienziato, quest'opera d'arte così amata sarà oggetto di una rilettura approfondita e originale, che segue idealmente le orme di un nuovo umanesimo capace di ricreare un fecondo dialogo fra arte e scienza.

Il primo appuntamento si terrà il 21 maggio alle 21 proprio nel salone Leone X della Villa di Poggio a Caiano. Relatore Carlo Falciani, che si soffermerà su "Pontormo a Poggio a Caiano. Vertumno, Pomona e il tempo".

Chiude la rassegna il 9 giugno alle 21 alla Villa di Artimino lo scienziato di fama internazionale Stefano Mancuso che parlerà di "Vertumno e Pomona. Il mondo delle piante, dei fiori e dei frutti: dal mito alla scienza". 

 

Articoli correlati (da tag)