Speciali Reportcult: PISTOIA BLUES | PRESENTE ITALIANO


 
 

Mercoledì, 16 Settembre 2015 00:00

Al via la XIII edizione di Contemporanea Festival

Kinkaleri, "Everyone Gets Lighter" Kinkaleri, "Everyone Gets Lighter" Foto di Mariella Nanni

Prato - Presentata questa mattina in conferenza stampa al Teatro Metastasio  la XIII edizione di “Contemporanea  Festival 15”che si svolgerà a Prato dal 25 settembre al 4 ottobre.

Presenti Massimo Bressan, presidente del Teatro Metastasio, Paolo Magelli, direttore del Teatro Metastasio, Simone Mangani, assessore alla cultura del Comune di Prato, Edoardo Donatini, direttore artistico del Festival e Ilaria Fabbri, responsabile settore spettacolo della Regione Toscana. Il festival aprirà ufficialmente le attività del Teatro Metastasio Stabile della Toscana per la stagione 2015/2016.

Un festival sulle arti della scena contemporanea è per sua natura un luogo di costruzione, opportunità, incontro e sviluppo creativo. È il germe di una serie di processi di relazione e di progettazione teorica più che il frutto di una schematica direzione artistica. È uno spazio in cui si fondono i linguaggi e nascono composizioni imprevedibili che pongono questioni, producono disorientamenti e criticità, ‘spiazzano’ e allargano il concetto di visione e di coscienza critica.

“Contemporanea Festival” è un corpo vivo con tanti ‘organi’, un insieme di forze che si uniscono nel flusso di un processo di trasformazione che va di pari passo ai mutamenti del nostro tempo. È una zona franca dove lo spettatore consapevole diventa ad un tempo committente e parte dell’opera d’arte, pronto a recuperare una capacità critica personale che lo ricolloca autorevolmente nella comunità, come un greco antico nell’agorà.

Al centro, Massimo Bressan, presidente Teatro Metastasio
Edoardo Donatini, direttore artistico del Festival Contemporanea
Simone Mangani, assessore alla cultura del comune di Prato
Ilaria Fabbri, Regione Toscana
Paolo Magelli, direttore della Fondazione Teatro Metastasio
Al Teatro Metastasio la conferenza stampa di Contemporanea 2015
Fabio Cavallucci, direttore Museo Pecci
La conferenza stampa di Contemporanea 2015
Un momento della conferenza stampa
  • Al centro, Massimo Bressan, presidente Teatro Metastasio
  • Edoardo Donatini, direttore artistico del Festival Contemporanea
  • Simone Mangani, assessore alla cultura del comune di Prato
  • Ilaria Fabbri, Regione Toscana
  • Paolo Magelli, direttore della Fondazione Teatro Metastasio
  • Al Teatro Metastasio la conferenza stampa di Contemporanea 2015
  • Fabio Cavallucci, direttore Museo Pecci
  • La conferenza stampa di Contemporanea 2015
  • Un momento della conferenza stampa
  • Questa tredicesima edizione prosegue questa linea progettuale sviluppata nel tempo da Edoardo Donatini, sostiene tantissime relazioni - artistiche, produttive, critiche, territoriali - e presenta artisti e compagnie italiane e straniere che trasformano ogni appuntamento in semplice esercizio di pensiero, propulsore di senso e sensibilità verso le arti della scena e la loro fruizione, strumento di consapevolezza imprescindibile per la formazione dell’individuo e della coscienza comunitaria. Con lo spettatore che pensa al centro. In particolare “Contemporanea Festival 15” ha un’attenzione speciale per le ultime tendenze della coreografia italiana e internazionale.

    Guardando prima di tutto alle relazioni internazionali, grazie al suo ruolo all’interno del network “Finestate Festival”  quest’anno “Contemporanea Festival 15” ha trovato collaborazioni sia con l’Institut Français e Nuovi Mecenati nell’ambito del progetto TransARTE, sia con Prohelvetia con il progetto “Swiss Time”, e presenta un focus speciale sulle ultime tendenze produttive francesi e svizzere che difficilmente trovano visibilità in Italia. Quattro dunque gli artisti che arrivano dalla Francia: a rappresentare la danza c’è Christian Rizzo, accompagnato da otto danzatori e due musicisti, che riflette sulla memoria dei gesti con un lavoro che ha debuttato allo scorso Festival d’Avignone ed è poi stato ospitato con enorme successo all’ultima Biennale Danza (2 ottobre); e c’è una recente rivelazione, Mickaël Phelippeau, che indaga l’esperienza autobiografica di un giovanissimo ballerino per raccontare il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Inoltre ci sono le proposte particolari, di esperienza partecipata, della Compagnie “Tu t'attendais à quoi ?”, che invita il pubblico a realizzare un viaggio a bordo di una automobile trasformata in cinema (3 e 4 ottobre), e del performer Alex Cecchetti, che conduce in due tappe gli spettatori in un’immaginaria visita guidata del museo del Louvre (1 e 2 ottobre).

    Dalla Svizzera arriva invece il primo lavoro da solista di Martin Zimmermann, artista del movimento, clown dal gelido umorismo di una delle più interessanti compagnie di teatro-circo del panorama internazionale (25 e 26 settembre); c’è poi una curiosa performance del coreografo Marco Berrettini che traduce in forma di battaglia danzata una sorta di disputa filosofica (30 settembre), e c’è il ‘concerto per corpo’ di Yasmine Hugonnet, anche lei consacrata all’ultima Biennale Danza per un laboratorio costruito proprio attorno a questo lavoro, che associa lo spettacolo coreografico con i processi della scultura (1 ottobre). A stimolare la partecipazione attiva, poi, arrivano l’allestimento sonoro e visivo costruito a tappe itineranti sul concetto di “parola liquida” di Officina Orsi/Rubidori Manshaft (1/3 ottobre), e un percorso sonoro a stanze attorno alla fiaba di Biancaneve ricostruito dalla compagnia Trickster-p (2/4 ottobre). 

    Sempre guardando all’estero, in virtù della sintonia con il lavoro di Kinkaleri e con la loro funzione di residenza creativa nello SpazioK - uno dei luoghi del festival - “Contemporanea Festivsl 15” collabora al loro progetto “Body to be”, dedicato alla performance contemporanea e realizzato anche in collaborazione con Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci e ospita alcuni artisti che mettono il corpo al centro delle loro riflessione.

    Con una pièce che racconta il “palco della danza” nel ventesimo secolo trasponendo pratiche coreografiche e visioni del corpo dall’Inghilterra arriva dunque Tino Seghal, Leone d'Oro alla Biennale 2013, geniale artista che ha (re)introdotto nell’arte il concetto di immaterialità e unicità dell’opera in un modo assolutamente non convenzionale (3 ottobre). Dalla Francia c’è Jérôme Bel, che firma l’assolo con cui il ballerino Cédric Andrieux esprime la sua esperienza d'artista e di uomo aprendo una prospettiva nuova sul suo maestro Merce Cunningham (27 settembre). Inoltre, da oltreoceano, tornano gli italo australiani Cuocolo e Bosetti con un lavoro che, a base di cinema, si interroga sull’identità e sulla natura artificiale di ogni autobiografia (30 settembre e 1°ottobre).

    Collettivo Cinetico, "AGE"
    Compagnie tu t' attendais à quoi, "La 4L infernale"
    Jerome Bel, "Cedric Andrieux"
    Martin Zimmermann, "Hallo"
    Morganti
    Yasmine Hugonnet, "Le récital des postures"
  • Collettivo Cinetico,
  • Compagnie tu t' attendais à quoi,
  • Jerome Bel,
  • Martin Zimmermann,
  • Morganti
  • Yasmine Hugonnet,
  • Sul versante italiano, “Contemporanea Festival 15” consolida alcune relazioni elettive e favorisce il ritorno di alcuni ‘compagni di viaggio’ delle passate edizioni. Ritrova quindi Claudio Morganti, che propone in prima nazionale il “ri-attraversamento” di un lavoro che debuttò 10 anni fa (1/4 ottobre); Massimiliano Civica che, assieme al critico Attilio Scarpellini, apre un varco di riflessione facendo un discorso sulla perdita di senso del teatro che inaugura un nuovo progetto di “Contemporanea” dal titolo, volutamente provocatorio, “Tutta la verità nient'altro che la verità”, che promuove occasioni di discussione e approfondimento (2 ottobre); Benno Steinegger che coinvolge alcuni ‘attori amatoriali’ del territorio in un performance/casting, un'audizione analitica sul loro rapporto con la vita e l'arte scenica (25 e 27 settembre); e Katia Giuliani che fa rompere dei cocci al pubblico in un’azione catartica e liberatoria (dal 25 settembre al 1 ottobre).

    C’è poi spazio per nuovi incontri creativi, come quelli proposti da Fibre Parallele con l’ultima prova come regista e attrice di Licia Lanera - Premio Ubu come miglior interprete under 35 e Premio Duse per La Celestina di Ronconi - (29 settembre), o da Vincenzo Schino con una installazione-spettacolo che ricerca il segno di una vita nel movimento di una marionetta di fil di ferro (29 settembre).

    Inoltre, “Contemporanea Festival 15” riattiva la sua collaborazione con il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci e, in concomitanza con il Forum dell’Arte contemporanea italiana, organizza nei suoi nuovi spazi espositivi il progetto “Time to Move”, un’intera giornata dedicata alla danza con performance da seguire in sequenza delle compagnie più rappresentative del panorama italiano: Compagnia Virgilio Sieni, Letizia Renzini & Marina Giovannini, Kinkaleri, Silvia Costa, Jacopo Jenna, Claudia Catarzi, MK (26 settembre).

    E sempre a rappresentanza della danza c’è anche uno spettacolo di Collettivo Cinetico che analizza con nove teenager kamikaze il ruolo dello spettatore e il concetto d’indeterminazione (4 ottobre). A segnare una novità assoluta nella storia di “Contemporanea” è una serata di musica, dedicata alla memoria del grande Ornette Coleman e declinata a ritmo di jazz dagli americani Mary Halvorson e Ches Smith, da Skinshout, con la voce di Gaia Mattiuzzi e la batteria di Francesco Cusa, e da Redshift, con il sassofonista Beppe Scardino, e l'inarrestabile batteria di Massimiliano Sorrentini (3 ottobre). Quanto alle relazioni territoriali, a risvegliare la sensibilità del pubblico, c’è un percorso multisensoriale diviso in 5 performances e in 5 spazi di ZTT, cinque diverse compagnie cittadine - ZAPPA! Resistenze Creative, Sta, Progetto Aliremote Asd,The Loom Movement Factory, Kolam - che interpretano in brevi mini-spettacoli uno dei sensi dell'essere umano (28 settembre) e, per i più piccoli, c’è la prima nazionale di uno spettacolo di teatro ragazzi della compagnia TPO (25/27 settembre e 1/4 ottobre). Una sezione particolare è poi dedicata alla formazione, con una serie di laboratori che si rivolgono sia agli addetti ai lavori che al pubblico: per attori e danzatori ce ne sono due di Marco Berrettini; per gli adolescenti c’è quello di Collettivo Cinetico; per il pubblico ce ne sono due di Massimiliano, e uno di Fosca.

    In tema di residenze creative, infine, nel vivo delle connessioni al sistema teatro, “Contemporanea Festival 15”  organizza la presentazione del 1° volume di Nobiltà e miseria - presente e futuro delle residenze creative in Italia, a resoconto della prima tappa del progetto di ricerca e analisi degli scenari italiani legato al pensiero e alle pratiche sulle e delle residenze creative, realizzato in collaborazione con l’Arboreto - Teatro Dimora di Mondaino, ideato e organizzato da Edoardo Donatini e Fabio Biondi, con la collaborazione de Il Tamburo di Kattrin, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il sostegno di Regione Toscana e Regione Emilia Romagna e Regione Puglia (3 ottobre).

    Articoli correlati (da tag)