Martedì, 21 Novembre 2017 19:09

Elisabetta Branchetti, "acchiappa talenti" pistoiese tra talent show e spettacoli di beneficenza

di Samantha Ferri

PISTOIA – Si chiama “Ciak in musica” ed è l'ultima fatica ideata dalla talent scout pistoiese Elisabetta Branchetti, che di questo spettacolo cura anche la regia.

Un musical che ripropone le più belle e famose colonne sonore dei film tramite le performance di più di settanta ragazzi tra cantanti, ballerini e attori. Una commistione tra le arti che si unisce, per l'occasione, ad uno scopo benefico. Il ricavato dello spettacolo – che andrà in scena il 20 gennaio 2018 al Teatro Bolognini – verrà devoluto alle famiglie disagiate pistoiesi.

Elisabetta Branchetti

Un'iniziativa lodevole che si ripete da anni, non è infatti la prima volta che la Branchetti (foto a destra) mette in piedi uno spettacolo di beneficenza: “Abbiamo già collaborato con il Mayer di Firenze, o con l'Associazione Amici di Francesco che opera in Benin – spiega la talent scout – quest'anno, però, abbiamo deciso di fare qualcosa per il nostro territorio. Così, su segnalazione dei servizi sociali, devolveremo il ricavato dello spettacolo alle famiglie più bisognose affinché possano provvedere alle spese per la scuola o per lo sport dei propri figli”.

Un gesto solidale che ha reso entusiasta anche il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, che si è detto molto lieto che così tanti ragazzi si siano messi in gioco per aiutare gli altri.

Le attività e le iniziative di Elisabetta Branchetti, però, non finiscono qui. La passione per la musica e per il canto crescono con lei sin da piccola: “L'unico modo che aveva mia mamma per tenermi buona era accendere la radio e lasciarmi cantare”. Così a soli 4 anni Elisabetta partecipa allo Zecchino d'Oro e, negli anni successivi, studia canto e ballo e partecipa a molti concorsi canori, fino a che non decide di cambiare strada.

Ecco che nel 2000 la Branchetti abbandona i palchi, ma non del tutto, e si dedica ad un nuovo progetto. “Semplicemente mi sono detta: 'perché non aiutare altri ragazzi che come me vogliono fare spettacolo?' ed è così che iniziato ad organizzare eventi e concorsi per dare a tanti artisti toscani la possibilità di esibirsi di fronte ad un vero pubblico”, racconta l'"acchiappa talenti" (da "Talent Busters", nome della sua attività) Elisabetta Branchetti.

Nello stesso anno organizza quindi il primo concorso che si chiama “Music Stars On the Road”, dal nome del locale montecatinese dove si teneva l'evento. Dal 2010 la talent scout, insieme all'insegnante di canto Luca Gonfiantini, mette su un concorso canoro aperto a tutti gli artisti toscani. L'idea è un vero successo, tanto che la prima edizione raccoglie ben centottanta iscritti. Oggi il talent della Branchetti è giunto alla settima edizione e richiede ben sei mesi di casting per scovare i 26 talenti migliori che si esibiranno in onda su Toscana Tv e che vede una giuria di esperti a giudicarli.

“I ragazzi dei miei talent sono poi andati un po' dappertutto; chi a The Voice, chi ad Amici, chi a Sanremo – dove Tommaso Pini, iscritto alla prima edizione del mio concorso, ha vinto il premio Lucio Dalla assegnato dalla sala stampa, o nelle compagnie teatrali, come Johnatan Guerrero che lavora con Lorella Cuccarini”.

La pistoiese Branchetti sembra proprio avercela fatta ed è molto contenta del suo lavoro: “Non facciamo promesse ma ci impegnamo a dare una possibilità e maggiore visibilità ai nuovi talenti emergenti, e quelli davvero bravi riescono a realizzare i propri sogni”.

 

Articoli correlati (da tag)