Domenica, 22 Aprile 2018 11:50

Firenze, I Ministri in concerto all'ObiHall per il loro “Fidatevi Tour”

I Ministri (foto di Chiara Mirelli) I Ministri (foto di Chiara Mirelli)

Firenze – Martedì 24 aprile I Ministri saliranno sul palco dell'Obihall di Firenze (inizio concerto ore 21, biglietto 17,40 euro – prevendite su BoxOffice Toscana e TicketOne) nell’ambito del Fidatevi Tour organizzato da Magellano Concerti.

Un tiratissimo live durante il quale la band presenterà il nuovo album “Fidatevi” e i suoi più grandi successi.

Anticipato dal singolo “Tra le vite degli altri”, il nuovo album “Fidatevi” propone dodici brani registrati alle Officine Meccaniche di Mauro Pagani (presente al violino nella title-track). Un disco aperto a nuove sonorità, fermo restando il piglio che ha imposto il gruppo milanese nell’alternative rock in Italia

"Durante l'anno di lavorazione che abbiamo dedicato all'album - ha spiegato all’agenzia Ansa Federico Dragogna, parte della band assieme a Davide Auteliano e Michele Esposito - ad un certo punto è sembrato che il rock fosse sparito dalla scena musicale italiana. Questo, in un certo senso, ha fatto sì che ci sentissimo più soli e proprio per questo più liberi di fare quello che più ci andava di fare. Niente obblighi e niente aspettative troppo pressanti.

Abbiamo ampliato la paletta dei colori che compongono la nostra musica anche, ma non solo, per motivi anagrafici. Vogliamo continuare a raccontare la storia di una rock band in Italia. Quando abbiamo cominciato, dieci anni fa, la nostra scelta di fare musica appariva come quella di tre smidollati. Oggi si rischia anche intraprendendo strade all'apparenza più sicure, quindi tanto vale fare quello che piace, piuttosto che quello che non ci piace".

Tema comune che lega gran parte delle canzoni è quello della fiducia. "Ci siamo accorti che per vivere - ha detto Dragogna all’Ansa - abbiamo bisogno di qualcuno, che sia un partner o altro tipo di persona non importa. E' importante non sentirsi soli come stelle sperdute nello spazio. In tempo di elezioni politiche, poi, il titolo dell'album poteva anche suonare come provocazione, ma non potevamo saperlo".

La dimensione del live, fatta di interminabili tour e tanti concerti da tutto esaurito, è stata poi quella che ha permesso alla band di conquistarsi un pubblico di fedelissimi. "Abbiamo sempre dato tutto sul palco - ha concluso Federico - cercando di divertirci. I live sono stati importanti per raggiungere tante persone che altrimenti, vista una scarsa esposizione mediatica, non sarebbero potute arrivare così facilmente alla nostra musica".

I Ministri fanno il loro ingresso nella musica italiana nell’autunno del 2006, e non possono certo passare inosservati: il loro esordio autoprodotto I Soldi Sono Finiti è un’anomalia rock in un panorama dominato da hip hop e musica elettronica, e l’originale e ironica copertina (che contiene una vera moneta da un euro) fa parlare di loro oltre i confini della scena indipendente. A far girare il nome non solo le provocazioni e le tematiche non comuni: i loro live trascinanti conquistano tutti e attirano anche l’attenzione della Universal, che mette subito la band sotto contratto.

È la volta quindi dell’ep La Piazza (che contiene la hit Diritto Al Tetto, nata dalla storia di un senzatetto costretto ai domiciliari sulla panchina di un parco) e nel 2009 di Tempi Bui, l’album che, trascinato da una title-track che omaggia Brecht e dal singolo Bevo, consacra a livello nazionale il trio milanese - che, tra le altre cose, suona per la prima volta in uno stadio (a Udine prima dei Coldplay) e viene chiamato per un featuring da Caparezza. Un anno più tardi pubblicano Fuori, che esplora nuovi territori sonori e ribadisce un percorso personalissimo - che li porterà in tv con Morgan e sui palchi accanto ai Foo Fighters. Il quarto capitolo in studio, Per Un Passato Migliore, è un ritorno alle loro radici più elettriche, e i singoli tratti dall’album - Comunque, Spingere e Una Palude - conquistano un pubblico crescente e li costringono a tour sempre più fitti, anche oltre i confini italiani.

Nel 2015 pubblicano quello che è ad oggi il loro ultimo album, Cultura Generale - registrato in presa diretta a Berlino da Gordon Raphael (già produttore degli Strokes) - e partono per un nuovo tour che farà registrare il tutto esaurito nei superclub italiani. Nell’autunno del 2016 festeggiano il decennale del loro primo album con dodici concerti speciali e quindi scompaiono (dalle scene e dai social) per mettersi al lavoro sul uovo materiale.

Articoli correlati (da tag)

Liberamente

Santomato Live