Sabato, 01 Settembre 2018 12:24

Prato, l'energia rock dei The Darkness scatena Piazza Duomo

I The Darkness sul palco del festival Settembre Prato è Spettacolo I The Darkness sul palco del festival Settembre Prato è Spettacolo

di Andrea Capecchi

Prato – L'energia a tutto rock dei The Darkness contagia il pubblico pratese nella seconda serata del festival Prato è Spettacolo.

Di fronte a una piazza nutrita e pronta a scatenarsi su ogni pezzo, la band inglese guidata dai fratelli Justin e Daniel Hawkins non ha tradito le attese, regalando a tutti i presenti un'ora e mezzo di musica dai ritmi rock e metal, e proponendo una scaletta di qualità con tutti i più grandi successi del gruppo.

Arrivati sul palco di Piazza Duomo per la loro unica data italiana dell'anno, i The Darkness sono entrati subito in empatia con il pubblico, che non si è certo fatto pregare per saltare e ballare in un'atmosfera subito caldissima.

In molti ricordano i The Darkness per il loro album di esordio “Permission to Land”, pubblicato quindici anni fa, che portò la band londinese a un rapido quanto inaspettato successo a livello internazionale. Le sonorità hard rock, il look anni Settanta, gli acuti e i falsetti di Justin Hawkins, subito eletto “icona rock” dai fan, portarono il gruppo a raggiungere in poco tempo un'enorme popolarità e notorietà, grazie sia alla loro immagine e al loro stile “vintage”, sia alla novità musicale di un rock travolgente quanto originale. Gli album successivi, tuttavia, non riuscirono mai ad avvicinare il successo di “Permission to Land” e la band attraversò alcuni anni di crisi, culminati con l'abbandono di Justin Hawkins per dedicarsi a un progetto solista, fino alla definitiva reunion e alla ricostituzione del gruppo.

Proprio a “Permission to Land” è stato dedicato un ampio tributo, con pezzi come “Friday Night”, “Love is only a feeling”, “Growing on me”, “Get your hands off my woman” e, soprattutto, l'acclamatissima “I believe in a thing called love”, il singolo in assoluto più apprezzato e conosciuto della band. Spazio anche a “One way ticket”, singolo che anticipò l'uscita del secondo album, e a canzoni come “Southern Trains” e “Japanese prisoner of love” estratte dall'ultimo album “Pinewood Smile”, pubblicato lo scorso anno.

Il frontman Justin Hawkins è stato il vero mattatore della serata: scherzando e giocando con il pubblico, per due volte si è lanciato dal palco tra le braccia sollevate delle prime file, dopo essere stato oggetto di un fitto lancio di biancheria intima da parte delle fan più accanite. Con le loro folte chiome bionde, i pantaloni a zampa d'elefante, le giacche attillate, i salti, gli assoli di chitarra, l'energia rock scaturita da ogni brano, i The Darkness hanno dimostrato di essere una band dall'aspetto originale e stravagante, ma capace soprattutto di dare spettacolo con la loro musica.

Il tutto condito da una sottile vena autoironica, quella che forse li rende così popolari e piacevoli da ascoltare dal vivo, grazie alla capacità di fare musica senza però prendersi troppo sul serio.

Un “bel coplo” anche per gli organizzatori del festival Settembre Prato è Spettacolo, che sono riusciti a portare in Piazza Duomo una band internazionale nella sua unica data in Italia, per un appuntamento che ha fatto arrivare a Prato tanti fan da fuori regione.

Articoli correlati (da tag)