Lunedì, 11 Febbraio 2019 14:49

Fondazione Tronci, un san Valentino in musica “Sognando la rivoluzione”

Marco Licheri and Friends durante un'esibizione dal vivo Marco Licheri and Friends durante un'esibizione dal vivo

Pistoia - Non è certo la rivoluzione narrata nella mitica "Lamento Borincano" di Pedro Vargas o quella evocata da "Lux de luna" di Javer Solis, ma qualcosa di molto più vicino alla nostra tradizione musicale e teatrale.

Una rivoluzione musicale che prenderà vita giovedì 14 febbraio alle 21.30 presso la Fondazione Luigi Tronci, con protagonista la banda di Marco Licheri and friends con "Sognando la rivoluzione".

Attraverso canzoni autografe, tradizionali e di cantautori quali Piero Ciampi, Maurizio Ferretti, Giorgio Gaber, Fabrizio De André, Nanni Svampa e Lorenzo Ignudi, Marco Licheri affronta il tema dei personali mutamenti nella dinamica generale di una società che cambia continuamente. In questa dimensione emerge forte il desiderio di superare limiti e imposizioni, come la non rassegnazione derivante dal fallimento e la consapevolezza di come le gioie rendano ogni vita un piccolo capolavoro irripetibile.

Lorenzo Ignudi dà corpo alle interpretazioni con la sua chitarra e il bouzouki, Stefano Girone dà la forza del contrabbasso, mentre Leonardo Bartolomei è il ritmo delle percussioni.

Tutto questo dialogo si intreccia in un ricordo attento del passato con una visione allegorica del futuro passando per un presente in cui ancora si ascolta l'eco di voci musicali che molto hanno donato a tutti gli amanti della canzone impegnata.

Le canzoni di Marco Licheri sono contenute all'interno del cd "sera per sera" prodotto da Marco Licheri e Lorenzo Ignudi, stampato da AmniO teatro associazione Culturale, e sarà possibile acquistarlo in occasione della serata in Fondazione.

Sognare la rivoluzione in musica è poi così raro? Non lo è affatto in verità. Tra le canzoni popolari che hanno maggior diffusione durante la rivoluzione che portò all'indipendenza statunitense, Yankee Doodle è sicuramente quella a cui è affidata più che ad ogni altra la memoria di quegli avvenimenti: essa costituisce per noi la “rappresentazione sonora” della rivoluzione americana. La semplice melodia “a ballo” di Yankee Doodle è una di quelle “arie vaganti” la cui origine è impossibile da identificare; sarebbe stata presente in Francia e in Olanda, in Inghilterra fin dal tempo di Oliver Cromwell, in America durante la guerra per il Canada e, cantata dai soldati inglesi, nei primi mesi della rivolta dei coloni. Anche l’autore del testo rivoluzionario americano è sconosciuto.

Un san Valentino particolare quindi quello della Fondazione Luigi Tronci e Culturidea, una serata in cui amore, musica e libertà si fondono e conquistano il cuore di ciascuno.

Articoli correlati (da tag)