Sabato, 06 Luglio 2019 11:14

Al “Franchi”, il grande show di Laura Pausini e Biagio Antonacci

Laura Pausini e Biagio Antonacci Laura Pausini e Biagio Antonacci Foto Giovanni Canitano

FIRENZE - L’imponente show Laura Biagio stadi 2019 arriva lunedì 8 luglio (ore 21) allo Stadio Artemio Franchi di Firenze.

Tre ore di concerto per una scaletta che, nelle precedenti tappe, ha fatto cantare i fan a squarciagola, aprendosi con “Un’emergenza d’amore” e “Liberatemi”, cantate da Laura Pausini e Biagio Antonacci a 6 metri di altezza, davanti ad un magico gioco di schermi mobili (590 mq di schermo led ad alta definizione) per chiudersi con un doppio finale, prima con il loro primo singolo ufficiale “In questa nostra casa nuova” e poi con la storica “Tra te e il mare” (scritta da Biagio per Laura).
I due artisti, uniti da anni di profonda amicizia e stima reciproca, durante lo show alternano momenti in cui fondono le loro voci ad abbracci, scenografie per creare intimità con i fan e coreografie disegnate su misura per loro da Luca Tommassini, direttore artistico del tour, che ha creato un concerto che rappresenta realmente la loro “casa nuova”.
Laura Biagio Bari“Succedono tante cose, è uno spettacolo nuovo, innovativo, molto corposo – spiegano Laura e Biagio - Vorremmo essere ricordati per due artisti che hanno fatto insieme una cosa diversa e l’hanno fatta con amore, non c’è niente di studiato in quello che abbiamo fatto, c’è sincerità. Di solito all’inizio c’è sempre un ragionamento, invece noi semplicemente siamo amici…”.

Sul palco con Laura e Biagio, la band formata dal direttore musicale per Laura Pausini Paolo Carta (chitarra), dal direttore musicale per Biagio Antonacci (insieme a Stefano De Maio) Massimo Varini (chitarra), da Placido Salamone (chitarra), Fabio Coppini (tastiere), Gareth Brown (batteria), Roberto Gallinelli (basso), Ernesto Lopez (percussioni) e Yuri Barilaro (tastiere). Inoltre, 4 archi (Giulia Monti, Francesca Musnicki, Caterina Coco, Giulia Sandoli), 4 coristi (Claudia D’Ulisse, David Blank, Gigi Fazio e Roberta Granà) e 9 ballerini. Le coreografie sono di Filippo Ranaldi.  

Per la produzione dei vestiti di musicisti e ballerini è stato utilizzato materiale riciclato, grazie alla collaborazione tra la costumista Claudia Tortora, l’Accademia di costume e moda e SCART il progetto artistico del Gruppo Hera che usa gli scarti di lavorazione industriale come materia prima per nuove creazioni. Il Progetto SCART del Gruppo Hera ha anche contribuito alla realizzazione di parte della scenografia, grazie all'uso di materiale riciclato per diffondere un messaggio di modalità virtuose e di rispetto per l’ambiente.

Per l’ingresso allo stadio sono previste 10 porte: attenzione, orari e accessi cambiano in base al settore, è quindi importante controllare il numero dell’ingresso sul proprio tagliando prima di dirigersi ai varchi.

Articoli correlati (da tag)