Sabato, 07 Settembre 2019 11:34

Prato, le canzoni dell'estate sul palco di Radio Bruno

J-Ax con Alessia Ventura ed Enzo Ferrari (foto di Andrea Brusa) J-Ax con Alessia Ventura ed Enzo Ferrari (foto di Andrea Brusa)

di Andrea Capecchi

Prato – Una grande festa in piazza per chiudere l'estate con le hit che ci hanno fatto cantare sotto l'ombrellone.

Radio Bruno ha scelto il palco del Settembre Pratese per l'evento finale a conclusione del suo tour estivo, regalando al pubblico due ore di musica e spettacolo con protagonisti alcuni degli artisti che nelle ultime settimane hanno raggiunto le vette delle classifiche italiane con i loro “tormentoni” estivi. Un successo radiofonico ma non solo, come testimoniato dalla straordinaria accoglienza che Piazza Duomo ha riservato a tutti i cantanti che si sono esibiti nel corso dello show, condotto dai bravi Enzo Ferrari e Alessia Ventura e trasmesso in diretta, in streaming, sulla wb tv della radio.

Era la prima volta che la serata finale del Radio Bruno Estate approdabva a Prato e fin dal primo pomeriggio moltissimi fan si sono messi in coda ai cancelli d'ingresso – l'accesso era gratuito, ma con capienza limite a cinquemila persone per le norme di sicurezza – e già prima che lo spettacolo prendesse il via la piazza era già esaurita, regalando agli spettatori un bellissimo colpo d'occhio. Tanti i giovani e i giovanissimi, che hanno cantato, ballato e applaudito, salutando con un boato l'ingresso di tutti gli artisti.

Ad aprire lo show è stato J-Ax, tornato a progetti solisti dopo alcuni anni di sodalizio con Fedez e vero “re” dell'estate italiana con il suo tormentone “Ostia Lido”, canzone fresca, ironica e dal ritornello orecchiabile, impossibile da non ascoltare, che certifica il nuovo successo e la svolta pop dell'ex rapper degli Articolo 31.

A seguire Mahmood, altro “big” reduce da un periodo di grandi successi e soddisfazioni con la vittoria dell'ultimo Festival di Sanremo con il brano “Soldi” e l'uscita del suo ultimo singolo “Barrio”. Poi un tuffo nel passato con Paolo Vallesi, cantautore toscano che ha presentato il suo ultimo singolo “Ritrovarsi ancora”, e con il bolognese Luca Carboni, che ha eseguito “Prima di partire”, singolo tratto del suo ultimo album “Sputnik”, e “Luca lo stesso”, brano d'apertura del precedente album “Pop-up”.

Applausi a scena aperta per Giordana Angi, vero e proprio idolo dei più giovani: la cantautrice romana, rivelazione dell'ultima edizione del talent “Amici”, dove si è classificata seconda, ha eseguito “Stringimi più forte” e “Casa”, brani già entrati nel circuito delle radio ma, soprattutto, già imparati a memoria dai fan. A seguire l'intensa esibizione dei Tiromancino, ascoltati per tutta l'estate con la loro hit “Vento del sud”, e quella del rapper Mr. Rain, prima con il suo singolo “Ipernova”, poi in duetto con la giovanissima Martina Attili nel brano “La somma”. Quest'ultima, reduce dal successo del talent X-Factor, ha regalato al pubblico il suo singolo “Cherofobia”.

Si alza di nuovo il volume della piazza e sul palco arriva Lo Stato Sociale con “Una vita in vacanza”, tormentone della scorsa estate ma il cui successo non accenna a placarsi. Boato dei più giovani anche per Fred De Palma, rapper torinese che per il secondo anno consecutivo firma una hit estiva, fresca e ballabile, sempre in collaborazione con la cantante spagnola Ana Mena: l'anno scorso fu “D'estate non vale”, quest'anno “Una volta ancora”. Si scatena poi la caccia al “selfie” con l'ingresso sul palco della simpatica e prorompente Elettra Lamborghini, nota per le sue partecipazioni come giurata ai talent show, per i suoi video molto appariscenti, ma reduce da un anno di ricco di successo che l'ha lanciata nella dimensione di popstar internazionale, prima con il singolo “Tocame”, poi con il brano “Fanfare” in collaborazione con Gue Pequeno.

Chiudono la serata le esibizioni del rapper Shade e dell'ex concorrente di “Amici” Federica Carta, che duettano insieme nel brano “Senza farlo apposta” già presentato all'ultima edizione del Festival di Sanremo.

Articoli correlati (da tag)