Venerdì, 18 Ottobre 2019 16:19

Il concerto di Luca Tesi chiude la mostra “Abstracta Vitae”

Il musicista Luca Tesi Il musicista Luca Tesi

Pistoia - Finissage in musica domenica 20 ottobre per “Abstracta Vitae”, la mostra collettiva per il PAF 6 - Performance Art Festival.

In programma alle 17, nelle Sale Affrescate del Palazzo Comunale di Pistoia dove è allestita la mostra, “Un sueño en la floresta”, il concerto del chitarrista Luca Tesi: musicista eclettico, attratto dalla contaminazione fra linguaggi musicali diversi e dai territori di confine tra musica popolare e avanguardia, Tesi ha approfondito progressivamente questo percorso attraverso lo studio di compositori che nella loro opera fondono elementi folkoristici e modernismo. Il programma del concerto accosta, con disinvoltura, autori classici e contemporanei, con musiche di Bach, Duarte, Brouwer, Barrios e Piazzolla: bravi in cui spicca il carattere fortemente descrittivo di elementi naturalistici e paesaggistici.

Luca Tesi, dopo un primo approccio alla chitarra classica, negli anni giovanili esplora vari ambiti musicali spaziando dal rock alla musica etnica. In questo periodo si esibisce in diversi festival con alcuni gruppi emergenti. Ripresi gli studi classici, giunge brillantemente al diploma sotto la guida del M° Carlo Mascilli Migliorini. In seguito approfondisce lo studio del repertorio classico con il M° Flavio Cucchi e si perfeziona con il M° Victor Villadangos, docente presso il conservatorio “Juan Josè Castro” di Buenos Aires. Prende parte ai seminari sull'improvvisazione con Ralph Towner presso l'accademia Europea di Firenze, sviluppa lo studio dell'armonia moderna con il M° Riccardo Galardini e si interessa alla tecnica flamenca sulla chitarra.

Partecipa come solista a varie rassegne concertistiche a livello nazionale ed è attivo in diverse formazioni da camera. Prende parte al progetto “Jazz in Frac Quintet” che propone arrangiamenti originali dove il linguaggio del Jazz incontra compositori classici come Bach e Mozart.

Ha inciso un disco per l'etichetta MAP Classics dal titolo “Recital Brasileiro” con musiche di Villa-Lobos, Gnattali e Guerra – Peixe. Attratto dalla contaminazione fra linguaggi musicali diversi, approfondisce progressivamente e con determinazione lo studio di compositori che nella loro opera fondono elementi folkoristici e modernismo come Leo Brouwer, Heitor Villa-Lobos, Radamès Gnattali, Antonio Lauro e altri ancora. Lo sviluppo di questa ricerca porta negli anni all'elaborazione di progetti artistici e programmi che si discostano dalle proposte concertistiche più comuni, attraversando I territori di confine tra la musica popolare e quella d'avanguardia.

L'attività concertistica e il percorso artistico si affiancano e dialogano intensamente con l'impegno didattico, che vede la collaborazione con diverse scuole e istituzioni toscane con l'intento di creare un metodo volto alla diffusione della cultura chitarristica nei giovani e giovanissimi.

 

Articoli correlati (da tag)