Mercoledì, 21 Febbraio 2018 16:08

"Coppia aperta, quasi spalancata": omaggio a Fo e Rame al Montand di Monsummano

Una scena dello spettacolo (foto di Tommaso Le Pera) Una scena dello spettacolo (foto di Tommaso Le Pera)

Monsummano Terme - Sabato 24 febbraio alle ore 21 va in scena al Teatro Montand uno dei testi più famosi e dissacranti scritto nel 1983 da Dario Fo e Franca Rame, “Coppia aperta, quasi spalancata”, prodotto dal Teatro Belli.

Ad interpretarlo sono Antonio Salines e Francesca Bianco, curiosamente coniugi anche nella vita, già protagonisti qualche anno fa di una fortunatissima edizione di un altro testo del duo Fo-Rame, Chi ruba un piede è fortunato in amore. La regia è affidata a Carlo Emilio Lerici, che ha già diretto i due protagonisti in numerose produzioni del Teatro Belli (La versione di Barney, Il sogno di Ipazia etc.).

La stagione di prosa del Montand è promossa dal Comune di Monsummano Terme e dall'Associazione Teatrale Pistoiese, con il contributo di Unicoop Firenze ed il sostegno di due aziende del territorio: Polli e Arredamenti Goti.

Prima dello spettacolo, la degustazione gratuita a cura di Slow Food Valdinievole e Mercato della Terra di Montecatini Terme con i Cantuccini del Pastificio Sombrero di Uzzano e il Vin Santo dell'Azienda Agricola Perbaccovini di Larciano.

A trent’anni dalla prima rappresentazione, la forza e l’attualità di “Coppia aperta, quasi spalancata”, ironica analisi della 'relazione di coppia', sono ancora straordinarie e lo spettacolo, allestito nel 2013 come omaggio alla grandissima Franca Rame, è in tour con grande successo in ogni stagione teatrale.

Al centro, la storia grottesca di due coniugi alle prese con un matrimonio che sta andando allo sfascio e che decidono di sperimentare la formula della “coppia aperta” per risolvere i problemi della loro relazione.

Ma la “coppia aperta” in realtà è un'invenzione del marito per giustificare le sue infedeltà di immaturo, vanaglorioso Don Giovanni, (con comico strazio della moglie ridotta a maldestri tentativi di suicidio). Infatti, fino a che di questa libertà ne fruisce il maschio va tutto bene, ma cosa succede quando anche la donna, superate le iniziali ritrosie, decide di prendersi la sua parte di libertà trovandosi un altro, bello, intelligente, docente universitario, ricercatore nucleare, innamorato di lei? I ruoli si invertono: il marito strilla, va in crisi, vuole la mamma e minaccia il suicidio, salvo poi ringalluzzire precipitosamente non appena la moglie, impietosita, confessa di avere inscenato una situazione del tutto inventata. Naturalmente, a quel punto, non potrà mancare il classico colpo di scena...

La prevendita dello spettacolo è in corso alla biglietteria del Teatro Manzoni di Pistoia, alla Biglietteria del Montand il giorno prima e il giorno stesso dello spettacolo dalle 16,30 alle 19,30. Le prevendite sono disponibili anche online sui circuiti Boxol e Boxoffice.

Articoli correlati (da tag)