Sabato, 20 Ottobre 2018 15:06

Il "Decameron" di Tullio Solenghi apre la stagione del Montand

Tullio Solenghi Tullio Solenghi

Monsummano Terme - Con “Decameron: un racconto italiano in tempo di peste”, interpretato da Tullio Solenghi, si alza il sipario martedì 23 ottobre (ore 21) al Teatro Montand di Monsummano Terme.

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Pubblico Ligure e di cui Sergio Maifredi firma progetto e regia, si avvale della collaborazione di Gian Luca Favetto e della consulenza letteraria di Maurizio Fiorilla; al terzo anno di tournée, ha il patrocinio dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio.

Solenghi, attore molto amato dal pubblico, restituisce allo spettatore la lingua originale di Giovanni Boccaccio rendendola accessibile e comprensibile come fosse la lingua di un testo contemporaneo. L’intento del progetto, infatti, secondo Sergio Maifredi, non è quello di “attualizzare Boccaccio, ma conservarne e curarne il suo essere contemporaneo. Boccaccio ha il merito di aver elaborato il primo grande progetto narrativo della letteratura occidentale, inserendo i cento racconti in un libro organico capace di rappresentare la varietà e complessità del mondo. A tutti è concessa una storia, dai re agli operai”.

Il risultato è uno spettacolo divertente, di grande raffinatezza, nel corso del quale si ascolteranno, in lettura integrale, sei tra le più note novelle del Decamerone di Boccaccio, “primo grande progetto narrativo della letteratura occidentale”: Chichibio e la gru, Peronella, Federico Degli Alberighi, Masetto di Lamporecchio, Madonna Filippa, Alibech.

La prevendita è aperta alla Biglietteria del Teatro Montand (0572 954474).

In stagione anche tre nuove produzioni dell’Associazione Teatrale Pistoiese; Goodbye Diabolik di Dominick Tambasco, regia Massimo Navone, un omaggio al mito del fumetto, con Alessandro Baldinotti, Alessia Innocenti e Giulia Weber (3 novembre); I due moschettieri, seconda tappa del progetto de I Sacchi di Sabbia attorno ai popolari personaggi di Dumas (13 gennaio) e Tartufo di Molière, con Giuseppe Cederna, Valentina Sperlì e Roberto Valerio, che firma anche la regia (17 marzo). Completano il programma La vita accanto di Maria Pia Veladiano, con Monica Menchi, regia di Cristina Pezzoli (1 dicembre, in occasione delle iniziative attorno alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne) e lo spettacolo di teatro civile da cura di Mimesis, Antonino De Masi. Il potere dei senza potere (11 maggio).

Tutte le informazioni sul programma sono reperibili sul sito www.teatridipistoia.it e alla pagina Facebook del Teatro Montand.

Articoli correlati (da tag)