Speciali Reportcult: Pistoia Blues


 
 

Giovedì, 27 Febbraio 2020 17:39

Al Manzoni tornano le “Scene da Faust” di Federico Tiezzi

Una scena dello spettacolo (foto di Luca Manfrini) Una scena dello spettacolo (foto di Luca Manfrini)

Pistoia - Arriva al Teatro Manzoni di Pistoia, quale penultimo appuntamento del cartellone, “Scene da Faust” di Federico Tiezzi.

Per esigenze organizzative della Compagnia non è stato possibile programmarlo nelle date canoniche del fine settimana ed è in scena, sempre alle ore 21, nei giorni di lunedì 3 marzo (turno abbonamento V), martedì, 4 marzo (turno abbonamento S) e mercoledì 4 marzo (turno abbonamento D).

Per il ciclo “Il teatro si racconta” la compagnia incontra il pubblico mercoledì 4 marzo (ore 17,30) nella platea del Manzoni; conduce l'incontro Andrea Nanni, critico di teatro.

Dopo l'incontro con il mito classico di Antigone, Federico Tiezzi affronta, attraverso l’opera di Goethe, un altro grande mito: quello di Faust. Il racconto di un sapiente studioso di teologia, filosofia e scienze naturali che, per ottenere conoscenze ancora più vaste, potere e giovinezza, vende la propria anima a Mefistofele mediante un contratto firmato col sangue. Goethe lavorò al Faust per sei decenni, dal 1772 al 1831, costruendo un’opera monumentale intorno alla figura del medico e mago cinquecentesco.

Attraverso Goethe questo personaggio che aspira alla totalità della conoscenza e all’eterna giovinezza è divenuto parte dell’immaginario collettivo della cultura occidentale, oltre che simbolo della crisi della coscienza e dell’anima dell’uomo contemporaneo.

Nella prima parte, quella presa in esame dallo spettacolo, è centrale la figura di Mefistofele, che si pone come il doppio speculare di Faust, il suo alter ego e, freudianamente, la proiezione del suo inconscio. Nella nostra epoca l’immagine di un patto con il Demonio forse non fa più troppa paura, forse… Ma i bisogni che spingono Faust a vendere l’anima ancora ci turbano: la brama di conoscenza, l’aspirazione a un’eterna giovinezza, la ricerca della saggezza, delle risposte alle domande su che cosa siano la natura, la storia e la vita dell’uomo. Il Faust goethiano è teatro, puro teatro: luogo in cui si incontrano la potenza dell’epos e l’intimità della lirica, la speculazione filosofica e l’afflato della Storia nel suo incontro con la Natura: temi che si riversano sulla scena nella complessità di un dramma cosmico che gira su due perni, il bene e il male.

Federico Tiezzi ritrova (come già in Freud e l’interpretazione dei sogni di Stefano Massini, ne La Signorina Else di Arthur Schnitzler e in Antigone di Sofocle) un tema a lui molto congeniale: la crisi della soggettività, dell’individuo, la crisi dell’io nel suo rapporto con la realtà. Allo stesso tempo lo spettacolo ci parla del rapporto conflittuale tra l’intellettuale, stanco di teorizzare e di lavorare sulle idee, e la realtà, il mondo fisico e biologico, sentimentale ed emotivo, che gli sfugge. E ci parla delle dinamiche del desiderio e del sentimento.

Accanto a Marco Foschi nel ruolo di Faust, a Sandro Lombardi nel ruolo di Mefistofele e a Leda Kreider in quello di Margherita, in scena gli attori dell’ultimo biennio del Teatro Laboratorio della Toscana tenutosi a Pistoia, ospite dell’Associazione Teatrale Pistoiese (Dario Battaglia, Alessandro Burzotta, Nicasio Catanese, Valentina Elia, Fonte Fantasia, Marco Foschi, Francesca Gabucci, Ivan Graziano, Leda Kreider, Sandro Lombardi, Luca Tanganelli), portando così a compimento un percorso strutturato tra studio, ricerca e sperimentazione da un lato e applicazione pratica dei risultati dall’altro.

 

 

Articoli correlati (da tag)