Speciali Reportcult: PISTOIA BLUES | PRESENTE ITALIANO


 
 

Lunedì, 14 Settembre 2015 00:00

Torino Danza Festival, in scena "Impromptus"

Torino Danza Festival, in scena "Impromptus" (foto Jochen Sandig)

Torino - Torna in Italia uno dei capolavori di Sasha Waltz.

La coreografa tedesca fonde la sua esperienza europea e americana per dare vita a “Impromptus”, un magistrale intreccio di danza, teatro e musica classica, che debutterà al Teatro Regio sabato 19 settembre, alle ore 21. Lo spettacolo è presentato in collaborazione con RAI - Prix Italia, nell’ambito di “Torino incontra Berlino” con il sostegno del Goethe-Institut Turin e del Ministero degli Esteri della Repubblica Federale Tedesca. 

Schubert suonato e cantato dal vivo e la danza contemporanea: un’ondata di emozione pura pronta a toccare le corde più profonde dell’anima. La coreografa tedesca Sasha Waltz sviluppa uno spettacolo basato sulla struttura della musica classica e il risultato è sorprendente.

Il movimento e le note, ma anche gli intensi silenzi, sono in continuo dialogo fra loro. Non si illustrano mai a vicenda ma si sostengono, si rincorrono, si bilanciano, si accolgono, si danno la spinta per volare più alto, si sfuggono e si ritrovano, come corpi che danzano. La danza di Sasha Waltz, come la musica romantica di Schubert, crea stati emozionali che si collocano fra l’essere in costante disequilibrio e il poter fluttuare nell’aria senza peso, in un perenne non più e non ancora, fra nostalgia e slanci di passione.

I ballerini di "Impromptus" fotografati da Sebastian Bolesch
Un momento dello spettacolo in una foto di Bolesch
La messa in scena di "Impromptus", foto di Sebastian Bolesch
"Impromptus", foto di Sebastian Bolesch
  • I ballerini di
  • Un momento dello spettacolo in una foto di Bolesch
  • La messa in scena di
  • La coreografa è spesso citata come erede di Pina Bausch per la capacità di indagare nelle pieghe più nascoste dell’animo umano, nella sua meravigliosa vulnerabilità e fragile bellezza e per la capacità di tradurre questa indagine esistenziale in teatro-danza che ci pone sempre di fronte a questioni e temi universali. In “Impromptus” tutto questo è evidente: le note per pianoforte e canto e la filosofia romantica del wanderer, il vagabondo che non arriva mai a casa perché non ha una casa, crea una malinconia di fondo che è quella della vita stessa. Una nostalgia che ci rende in fondo sempre nomadi, in viaggio fra un prima e un dopo, fra un non sapere da dove veniamo e un non sapere dove andiamo.

    La musica e la danza conversano senza sosta: l’instabilità dei corpi poggia sulla profondità di una musica che parla dritto all’anima.

    Duetti maschili e femminili si muovono lentamente su un piano inclinato creando scambi fluidi di pesi e contrappesi in cui la dimensione verticale e quella orizzontale si incollano in un organismo a cui basta il minimo appoggio delle mani. Cambia il ritmo, una coppia uomo-donna avanza nello spazio con l’intensità e la densità ipnotica delle arti marziali. Gli appoggi si fanno precari a rivelare l’insicurezza, la preoccupazione, la paura, i desideri primari e primitivi intervallati da slanci improvvisi di gioia e tenerezza, si scopre il lato sensuale della musica di Schubert. Il senso dell’umorismo flirta con la musica suonata dalla pianista Cristina Marton e la voce della mezzosoprano Judith Simonis in uno spettacolo innovativo ma profondamente radicato nella cultura romantica europea. 

    Lo spettacolo è inserito in MITO Settembre Musica.

     

    “Impromptus”

    TEATRO REGIO 19 settembre 2015, ore 21

    durata 90’

    di SASHA WALTZ

    musica Franz Schubert

    direzione e coreografia Sasha Waltz

    scene Thomas Schenk, Sasha Waltz

    costumi Christine Birkle

    luci Martin Hauk

    drammaturgia Yoreme Waltz, Jochen Sandig

    danza e coreografia Clémentine Deluy, Luc Dunberry, Michal Mualem, Orlando Rodriguez,  Xuan Shi, Claudia de Serpa Soares, Niannian Zhou

    pianoforte Cristina Marton

    canzone Judith Simonis

    ripetizione Renate Graziadei

    la pièce è stata sviluppata da e con i danzatori Clémentine Deluy, Juan Kruz Diaz de Garaio Esnaola, Luc Dunberry, Michal Mualem, Claudia de Serpa Soares e Xuan Shi

     

    Cast tecnico:

    assistente direzione Francesca Noia

    capelli e trucco Urte Kusserow

    direzione costumi Margaretha Heller

    tecnico luci Olaf Danilsen

    attrezzeria Boris Bauer

    palcoscenico Brad Hwang

    assistente direttore tecnico Leonardo Bucalossi

    tour management Karsten Liske, Irina Castillo

    direzione tecnica Reinhard Wizisla

    general management Sasha Waltz & Guests Jochen Sandig 

    produzione Schaubühne am Lehniner Platz Berlin, presentata da Sasha Waltz & Guests, una coproduzione con Teatro Comunale di Ferrara.

    La Compagnia Sasha Waltz & Guests è sostenuta da Hauptstadtkulturfonds e Land Berlin

     

    Info:

    Teatro: Teatro Regio, Piazza Castello 215, Torino

    Repliche: sabato 19 settembre, ore 21

    Biglietti: Intero € 20 - Ridotto € 17 - Under 35 € 12 - Under 14 € 5

    Biglietteria del Teatro Stabile di Torino | Teatro Gobetti - via Rossini 8, Torino - dal martedì al sabato, dalle ore 13 alle ore 19. Domenica e lunedì riposo.

    Tel. 011 5169555 – Numero verde 800235333

    Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it  - www.torinodanzafestival.it

    Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Esclusivamente per gli spettacoli Impromptus, E-ink/Upper-East-Side/Antitesi  

    i biglietti sono venduti anche dalla Biglietteria di MITO Settembre Musica, via San Francesco da Paola 6, Torino. Telefono 011 01124777 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.mitosettembremusica.it

    Articoli correlati (da tag)